Archives for posts with tag: Verona

Cari Amici e gentili Amiche,

vi comunichiamo il programma culturale per il mese di maggio.

Venerdì 11 maggio 2018, ore 16.30 – Verona – Galleria d’Arte Moderna Achille Forti Palazzo della Ragione

Visiteremo la rinnovata Galleria di Arte Moderna con il nuovo percorso espositivo “L’arte a Verona tra Avanguardia e tradizione. L’Ottocento e il primo Novecento da Hayez a Casorati” e la esposizione “Luoghi della mente. 20 anni d’arte contemporanea”, nel nuovo spazio dedicato al contemporaneo.

Siamo particolarmente grati e onorati di essere accompagnati per la prima volta da Francesca Rossi, direttrice dei nostri musei.

Prenotazioni alla segreteria dell’associazione entro venerdì 4 maggio.

Venerdì 18 maggio 2018, ore 14.30 – Verona Minor Hierusalem

Il progetto “Verona Minor Hierusalem, una città da valorizzare assieme” nasce da un’idea di un esperto di pellegrinaggi e di Terra Santa, don Martino Signoretto, con l’obiettivo di riportare alla luce un patrimonio culturale, artistico e spirituale legato a un’immagine urbanistica ricreata a Verona nel Medio Evo su modello della Terra Santa. Responsabile e coordinatrice del progetto è Paola Tessitore.

Visiteremo tre chiese ubicate all’esterno dell’ansa dell’Adige: Santi Siro e Libera, Santa Maria in Organo e San Giovanni in Valle.

Prenotazioni obbligatorie alla segreteria dell’associazione entro venerdì 11 maggio.

Vi aspettiamo!

Quando un personaggio illustre lascia questa Terra, i principali quotidiani pubblicano prontamente un articolo elogiativo sul defunto; elogio già predisposto e sempre diligentemente aggiornato dai giovani di redazione , che nel gergo tipografico va sotto il nome un po’ ironico di “coccodrillo”.

Ma a trent’anni dalla scomparsa quale ricordo rimane del personaggio?

Ebbene, assistendo il 17 ottobre alla commemorazione di un grande che ha operato per molti anni in Verona nel campo museale e scomparso nel 1987, la commozione di chi lo ha conosciuto personalmente, e l’interesse culturale di chi, come il sottoscritto, non ha avuto questo privilegio, hanno prevalso su ogni altra espressione dell’animo.

Paola Marini ricordando la luminosa figura di Licisco Magagnato, suo predecessore alla Direzione dei Musei civici veronesi, ma “Uomo dell’Arte” a tutto tondo, ha fatto rivivere con grande efficacia le grandi doti dello studioso.

Un uomo che pur facendo leva su un carattere mite e pacato riuscì fra l’altro a realizzare in Verona, e non solo, una epocale trasformazione ed uno svecchiamento di tutto ciò che ruotava attorno alle arti figurative ed alla loro fruizione museale.

Trasformò infatti datate strutture, come il Museo di Castelvecchio, da contenitore di opere d’arte ad una vera opera d’arte architettonica a se stante, grazie anche al sodalizio culturale e scientifico contratto con il grande architetto Carlo Scarpa e con i collaboratori della sua Scuola.

Per capire l’uomo di “alta cultura” Licisco Magagnato la relatrice ha dapprima ricordato la figura politica di Magagnato.

Iscritto al partito Repubblicano, un piccolo, ma importante partito laico di grande impatto morale ed intellettuale scomparso da molti anni, auspicò con altri iscritti, ma con scarso successo, la possibilità di un connubio tra socialismo e liberalismo.

Fornito quindi di una solida base di rettitudine e di serietà morale, iniziò la sua professione indirizzata alla gestione e alla direzione museale, concependola come una realtà che doveva soddisfare a tre capisaldi :

  • il ruolo ed il valore sociale del museo.
  • il rigore del mestiere e la sua artigianalità, conciliando la gestione e la valorizzazione del museo con l’attività di ricerca.
  • controllo critico e ironia, riscattando le difficoltà con lievità.

Read the rest of this entry »

Carissimi Amici e carissime Amiche,

vorrei comunicare ai soci che non hanno potuto partecipare alla Assemblea Annuale del 12 giugno il resoconto delle attività svolte durante l’ultimo anno. Inizio dall’ultimo impegno: il Congresso Mondiale degli Amici dei Musei, WFFM 2017.

Molti di voi erano presenti ai lavori e si sono resi conto dell’alto livello dei relatori e dei moderatori. Qui a Verona nella splendida Sala Maffeiana, messa a disposizione dalla Accademia Filarmonica – che ancora ringrazio nella persona del suo presidente Luigi Tuppini – si è svolto l’importante confronto dal titolo ‘Gli Amici dei Musei visti dai musei’.

Chi meglio della nostra Paola Marini poteva fare da moderatore?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Read the rest of this entry »

Lunedì 4 aprile ha avuto luogo presso la Sala Consiliare del Municipio di Mantova la conferenza stampa per la presentazione del XVI Congresso Mondiale degli Amici dei Musei, un evento di grande rilievo internazionale che sarà ospitato dal 17 al 21 maggio 2017 nelle città di MantovaVerona. La nostra Associazione, insieme agli Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani, ha avuto l’onore dell’organizzazione per conto della federazione nazionale FIDAM , e la proposta è stata accolta con vivo apprezzamento da Ekkehard Nümann, presidente della Federazione Mondiale degli Amici dei musei (WFFM) che raccoglie l’adesione di circa 50 tra Federazioni Nazionali e Associazioni provenienti da paesi di tutti i continenti.

(guarda qui il servizio del telegiornale)

 

Il Congresso attirerà a Mantova e a Verona l’attenzione di personalità culturali e manageriali che sostengono e supportano strutture museali di tutto il mondo e vedrà la partecipazione di esperti e di delegazioni internazionali di Amici dei Musei, creando un momento di importante confronto di diverse professionalità, culture e nazionalità da tutti i continenti. L’evento vedrà la cooperazione tra pubblico e privato non solo nei temi sviluppati ma anche nella scelta dei luoghi di incontro. Sarà inoltre data particolare attenzione ai Giovani Amici dei Musei con un programma a loro dedicato: giovani amici dei musei provenienti da tutto il mondo potranno partecipare ai lavori grazie al sostegno delle borse di studio “Luigi Bossi Scholarships”, e saranno accolti dal Gruppo Giovani degli Amici dei Musei di Verona. Il programma per gli under 35, il primo ufficiale in occasione un congresso triennale della WFFM,  si dividerà tra i workshop del congresso e alcune attività riservate, nel corso delle quali daranno vita ad un documento programmatico – la Carta di Verona – finalizzato a fondare una nuova federazione giovanile mondiale. Verrà inoltre presentata ufficialmente la neonata Associazione Giovani Amici dei Musei d’Italia (GAMI). Il Congresso ha ricevuto il Patrocinio del Comune di Verona, del Comune di Mantova e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Per ulteriori informazioni e conoscere l’intero programma del congresso visitate il sito www.wffm2017.eu, attraverso il quale è possibile anche effettuare l’iscrizione, che per i nostri iscritti prevede una tariffa preferenziale.