Archives for posts with tag: Mostra Paolo Veronese

Carissimi Amici e carissime Amiche,

un saluto pieno di affetto a tutti gli Amici dei Civici Musei d’Arte di Verona.

I sei anni della mia presidenza sono “volati”: mi sembra ieri che sono subentrata a Giuseppe Manni con non celata preoccupazione nel ricoprire un ruolo che prima di me aveva visto impegnati grandi imprenditori. Ho cercato di seguire il percorso da loro così ben tracciato premurandomi di sostenere e di mandare avanti le iniziative e le attività che hanno fatto della nostra Associazione una importante realtà culturale cittadina. Fare l’elenco dei progetti in favore dei musei, delle collaborazioni, del sostegno alle mostre e alla didattica, dei contributi, delle donazioni, dei viaggi, delle visite di istruzione, delle iniziative del gruppo giovani, del volontariato per le guardanie, sarebbe troppo lungo e non in sintonia con la mia sinteticità, ma volevo ricordare per ogni anno quello che più mi è rimasto nel cuore.

La grande mostra di Paolo Veronese con il viaggio introduttivo a Londra nel 2014.

Nel 2015 la commozione nel ricordare Caterina Gemma Brenzoni con la dedica del restauro del paliotto dei Sette Santi del Museo di Castelvecchio e poi l’angoscia e lo smarrimento per la terribile rapina al museo – a solo un giorno di distanza dal nostro festeggiamento a Paola Marini per la nuova carica veneziana.

Finalmente la notizia del ritrovamento! La gioia, la fine dell’ansia e dell’incertezza nel corso del 2016.

Nel 2017 il Congresso Mondiale degli Amici dei Musei insieme agli Amici di Mantova. Una organizzazione non facile, ma che è stata ripagata dal successo dell’evento che ha visto la partecipazione di tante personalità delle realtà museali e culturali di tutto il mondo.

Nel corso degli ultimi mesi la presentazione dell’importantissimo progetto del Restauro della Torre del Mastio, ideato e eseguito da un gruppo di lavoro condotto da Maurizio Cossato.

Ringrazio infinitamente la Direzione dei Musei Civici, in particolar modo Margherita Bolla, per la continua disponibilità e le tante fruttuose iniziative congiunte e tutto il Consiglio Direttivo e il Collegio dei Revisori dei Conti per la professionalità, l’entusiasmo e il senso di amicizia che hanno caratterizzato il nostro impegno comune.

Un augurio grandissimo al nuovo presidente Francesco Monicelli, amico da sempre e tra i fondatori della nostra Associazione, e un carissimo abbraccio a tutti gli Amici!

Isa

Famoso lo eri già, e da lungo tempo.

Non per nulla imperatori, re e principi elettori cercarono di acquistare o di impossessarsi comunque delle tue più prestigiose opere per impreziosire le loro dimore.
Sono gli stessi quadri che oggi fanno bella mostra di sé nelle più celebri pinacoteche mondiali.

La fama che aleggiava attorno alla tua figura di grande e riservato artista era però già allora diversa da quella più epidermica e immediata, che emanavano altri celebri artisti del tempo.
Tu eri noto soprattutto per quelle sontuose tele commissionate per ornare le ricche dimore patrizie sul Canal Grande, o le chiese di Venezia, come San Sebastiano, se non addirittura le riservatissime sale del Collegio, del Consiglio dei Dieci, o del Maggior Consiglio in Palazzo Ducale.

Eri stato consacrato come uno dei principali Artisti Ufficiali della Serenissima, ma eri conteso anche dai più prestigiosi Ordini religiosi veneziani che ti chiamavano per ornare con grandi ed elaboratissimi teleri le pareti dei refettori claustrali.
Bellissime opere ispirate più ad immaginari e pantagruelici banchetti rinascimentali che non alla mistica Ultima Cena di Gesù con i suoi Discepoli.

Finora anche per noi non era stato facile ammirare da vicino i tuoi capolavori.

Poche esposizioni, e quasi sempre all’estero. Quella molto importante di Venezia del 1939 risultava troppo lontana nel tempo per chi è ancora vivente nel terzo millennio d.C. Nel migliore dei casi si potevano ammirare tue opere su pareti e soffitti da distanze tali che, pur mostrando la complessità dell’insieme e la nitida cromaticità, non permettevano una analisi calligrafica ed uno studio della tua superba abilità creativa.

Tu, Paolo, nato a Verona, ma veneziano d’adozione, sei infatti rimasto molto “padano” e poco tizianesco per la tecnica coloristica e per l’impostazione figurativa.

Poi arrivò il 2014.

30_26.London_Veronese_-_Allegory_of_love_Happy_union

Read the rest of this entry »

In occasione della dodicesima edizione di Tocatì – Festival Internazionale dei Giochi in Strada, che animerà Verona dal 18 al 21 settembre e che quest’anno vedrà un’intera sezione di giochi dedicata a Paolo Veronese, il Gruppo Giovani della nostra associazione ha deciso di contribuire alla promozione della mostra dedicata al grande artista cittadino  organizzando due cacce al tesoro a tema veronesiano.

Sabato 20 e domenica 21 gli Amici saranno dunque presenti a Tocatì con un proprio stand (il numero 44) vicino a Ponte Pietra, lato Teatro Romano, dove oltre a ricevere informazioni sui giochi di Paolo Veronese, sarà possibile conoscere l’Associazione e iscriversi ad essa ricevendo uno speciale regalo di benvenuto.

Saranno due le cacce al tesoro organizzate dal nostro Gruppo Giovani che metteranno alla prova l’acume investigativo dei cacciatori, entrambe con partenza dallo stand degli Amici dei Musei.

La prima, meno competitiva e rivolta a singoli giocatori, bambini e famiglie, si svolgerà sabato 20 alle ore 16.30 e domenica 21 alle ore 10.30, e permetterà di scoprire la storia e le meraviglie di Verona sulle orme del celebre pittore rinascimentale cui la città diede i natali. Indovinelli, giochi d’astuzia e quiz a tema saranno le prove da superare per raggiungere la tappa finale!

La seconda caccia, a squadre (da 5 a 10 membri), partirà alle 22 di sabato 20: in palio, per i cercatori che con curiosità, ingegno e velocità riusciranno a districarsi nella notte veronese per giungere primi al traguardo, i biglietti d’ingresso alla mostra!
Le iscrizioni alla Caccia si potranno fare direttamente allo stand, o online tramite il modulo qui sotto, entro le ore 18.00.

Infine, la nostra Associazione ha partecipato attivamente allo sviluppo della App Tocatì2014 per la parte dedicata a Veronese: scaricando l’applicazione, disponibile per iPhone e Android, si potranno mettere alla prova le proprie conoscenze grazie ad un divertente gioco tutto incentrato su Paolo Caliari e sulla Verona del suo tempo!

 

In attesa dell’ormai prossima inaugurazione della mostra Paolo Veronese. L’illusione della realtà, il Gruppo Giovani degli Amici dei Civici Musei organizza una serata dedicata al grande artista veronese.

Dalle ore 18.30 di venerdì 27 giugno, nella splendida cornice del Museo di Castelvecchio, aperto in maniera straordinaria a tutti i giovani fino ai 35 anni, sarà possibile conoscere da vicino Paolo Caliari detto il Veronese e la sua opera, scoprendo i dettagli della mostra che si accinge ad aprire in Gran Guardia. Grazie alla preziosa collaborazione di due cantine veronesi, Brigaldara e Giovanni Ederle, i Giovani Amici offriranno un aperitivo con dj-set nel corso del quale saranno presentati il percorso della mostra e i capolavori giunti dai più importanti musei del mondo. La serata, sostenuta dal Comune di Verona – Cultura e dalla Direzione dei Civici Musei , sarà un’occasione imperdibile per avvicinarsi in maniera divertente e alternativa all’arte di Paolo Veronese.

Per partecipare alla serata, che sarà gratuita fino ad esaurimento dei posti disponibili, è possibile visitare  la pagina di iscrizione o aderire all’ evento su Facebook.

Festa per Paolo 27.6.2014